Tokyo, Giappone

Tokyo è la capitale amministrativa del Giappone e uno dei principali centri finanziari del mondo, anche se l’area urbana più popolata al mondo. Situato sulla costa orientale dell’isola principale dell’arcipelago giapponese (Honshu). Esso comprende la residenza dell’imperatore, il Primo Ministro, il Parlamento e ministeri e tutte le ambasciate straniere. Distrutta durante la seconda guerra mondiale, fu rapidamente ricostruita e ha avuto un forte sviluppo industriale (soprattutto nel campo dell’elettronica) e la sua popolazione è aumentata di dieci volte in cinquant’anni. Il suo quartiere, considerato il più vivace, è Shibuya, dove troviamo grandi centri commerciali, come il 109. È molto moderno, ma troviamo ancora santuari shintoisti o templi buddisti. La città ha ospitato le Olimpiadi estive nel 1964 e ospiterà di nuovo nel 2020. C’è molto da vedere e una grande cultura da scoprire.

Consigli

Se volete vedere un piccolo pezzo della vecchia Tokyo che miracolosamente ha sopravvissuto, visitare Golden Gai. Non c’è nessun palazzo alti o monumento, ma si vedrà come la città era nel recente passato. Si tratta di sei vicoli, troppo stretti che non permettono passare né anche una piccola macchina. È un sito dove c’è circa 200 bar e caffè. Gli edifici sono vicoli antichi e piene di buche, ma il posto è molto più sicuro di quello che sembra (Tokyo è infatti la grande città con il più basso tasso di criminalità). Ogni edificio è solo largo pochi metri, e la maggior parte hanno una piccola scala che porta al piano di sopra, o ha un appartamento, o altra struttura. Molti di loro possono avere solo 5 o 6 clienti solo in un momento ma attenzione: ci sono luoghi che servono solo i loro clienti, non è consentita nessuno nuovo.

Da non perdere una visita al mausoleo dell’imperatore Meiji, bisnonno dell’attuale imperatore Akihito. Troverete un bosco di 120 000 alberi. Questo posto serve per onorare e rendere le vostre offerte al defunto imperatore Meiji. Prima di tutto suonare il campanello per ottenere la sua attenzione e mettere una moneta nella scatola prima di voi. Poi inchinarsi due volte e battere le mani prima di inchinare per l’ultima volta.

I grandi magazzini hanno un posto molto importante per i giapponesi. Questi templi giganti di consumo si trovano in tutte le epoche dello shopping di Tokyo. Vendono i migliori prodotti di qualità a prezzi molto alti. Il piano terra è generalmente inteso per i grandi marchi occidentali (Louis Vuitton, Hermes, Gucci, Tiffany, ecc …) e le loro controparti giapponesi meno noti. Ci sono anche molti elementi giapponesi tipici come kimono finemente ricamati, grandi designer di bacchette, ventilatori o vari oggetti in legno laccato.

Se volete vedere un teatro diverso, andare a vedere Kabuki (teatro giapponese); un teatro popolare e drammatico. Gli attori indossano maschere e costumi elaborati con colori vivaci, ed esprimono la natura e sentimenti dei loro personaggi attraverso gesti e posture esagerati. Tutti i ruoli sono interpretati da uomini senza lo spettatore si rendere conto che i ruoli femminili sono interpretati da uomini. Un’orchestra accompagna lo spettacolo. Il cambiamento di scene, invece di abbassare la tenda, l’intera scena ruotabile. Il più grande e più famoso teatro Kabuki è il Kabuki-za.

Ko Tao, Thailandia

Ko Tao o Koh Tao è un’isola della Thailandia situata al largo della costa occidentale del Golfo del Siam, tra le province di Chumphon e Surat Thani. Si estende su una superficie complessiva di 21 km². L’insediamento principale, nonché principale porto dell’isola, è Ban Mae Hat.

Il nome dell’isola deriva dalle molte tartarughe che fino a qualche anno fa si riproducevano sulle sue spiagge tranquille e dalla curiosa forma dell’isola stessa. Assieme alle più grandi Ko Samui e Ko Phangan e ad altre isole minori, forma l’arcipelago di Mu Ko Samui.
L’economia dell’isola è quasi completamente incentrata sul turismo. Ko Tao è infatti conosciuta dagli appassionati di immersioni subacquee di tutto il mondo per le numerose scuole e associazioni sportive che permettono di ottenere facilmente ed economicamente certificati di immersioni “Open Water Diver”. Le principali guide turistiche pubblicizzano i fondali poco profondi, le acque trasparenti e le affascinanti barriere coralline dell’isola come ideali per la pratica dell’immersione sportiva anche per principianti. L’interno dell’isola è ricco di vegetazione lussureggiante e selvaggia. Il clima è bello tutto l’anno e le spiagge sono paradisiache, da quelle più famose come Sairee ad altre più tranquille come Chalok, Mango Bay e Ao Leuk.

Consigli

Se volete seguire il corso di immersioni subacquee ed ottenere il certificato, come principiante o come maestro di sub: ci sono molti centri e molti corsi perché costa poco allora guardate i pacchetti tutto incluso che sono veramente convenienti ma attenzione, gli alberghi economici non sono raccomandabili!

Per muoversi sull’isola la forma più comoda è la moto, con ruote da montagna se possibile, dato che le strade non sono ben asfaltate, o per niente.

Se vi piacciono i fuochi d’artificio, ci sono su quasi tutte le spiagge di sera.

Invalid Displayed Gallery

La Città Proibita, Pechino, China

La Città Proibita, o Museo del Palazzo (l’ex Palazzo per il cinese), è il palazzo imperiale al centro di Pechino Città Imperiale la cui costruzione fu ordinata da Yongle, terzo imperatore della dinastia Ming; condotto tra il 1406 e il 1420. Il palazzo si estende su 72 ettari di cui 50 ettari di giardini ed è uno dei meglio conservati in Cina. All’estero, il suo nome Città Proibita è il più comune perché, come fu la residenza degli imperatori cinesi e delle loro famiglie e servitori, il pubblico non poteva entrare. Era come una vera e propria città e loro uscivono solo in rari occasioni. Il palazzo ha un muro alto 10 metri e largo 6 metri, circondato da un fossato, a cui si accede da quattro porte Wumen è il più importante, perché si tratta di un edificio centrale a due piani e nove intercolumni anteriore. 24 imperatori hanno visuto lì. Il palazzo ha un cortile interno e uno all’aperto con un fiume dalle acque tranquille. La città è stata aperta al pubblico nel 1924 e oggi è uno dei luoghi più visitati in Cina e ospita il Palazzo Vecchio; il più grande museo di Cina ed è patrimonio dell’umanità dal 1987, ha avuto molti lavori di ristrutturazione e il lavoro continua.

Consigli

Ci si arriva con la metropolitana.
La Città Proibita è stato protetta dal commercio di massa in modo da trovare solo spazi organizzati per la vendita di souvenir e snack leggeri. È anche possibile pianificare a fare un pic-nic.
Ci sono molte mostre gratuiti e altri a pagamento quindi a seconda di ciò che si vuole vedere, ci deve essere una mezza giornata o una giornata intera. È meglio per informarvi prima per non essere deluso, perché è molto grande e ci sono sempre molti persone.

Invalid Displayed Gallery