The Breakers, Newport, Vermont, Stati Uniti

The Breakers è la più grande casa d’estate a Newport e un simbolo della preminenza sociale e finanziaria della famiglia Vanderbilt. Cornelius Vanderbilt II aveva comprato una casa in legno chiamata The Breakers a Newport nel 1885, pochi anni dopo, ha chiesto all’architetto Richard Morris Hunt per progettare una villa e sostituire la casa che era stata distrutta da un incendio un anno prima. Ha costruito una casa di 70 camere, in stile rinascimentale italiano di ispirazione neI palazzi del XVI secolo di Genova e Torino. Aveva importanti collaboratori provenienti da diversi paesi. Gladys, la figlia più giovane della famiglia ha ereditato la casa. Aprì la casa al pubblico nel 1948 per raccogliere fondi per Newport County Conservation Society, nel 1972, l’associazione ha acquistato la casa ed è stata concepita come un monumento storico nazionale. Vi è anche una casa stabile e di trasporto a mezzo miglio dalla casa.

Consigli

È possibile acquistare i biglietti on-line prima della visita; troverete diverse combinazioni per risparmiare denaro se si prende più di una visita a diverse case.
È possibile fare una visita guidata con audio.
C’è anche un negozio di souvenir.

Palazzo Reale di La Granja de San Ildefonso, Madrid, Spagna

Il Palazzo Reale di La Granja de San Ildefonso è una delle residenze della famiglia reale spagnola, nella Sierra de Guadarrama, a 13 km da Segovia e 80 km da Madrid. Il nome deriva da una vecchia fattoria di monaci Hieronymite che erano nelle vicinanze. Enrico III costruì il primo rifugio e Enrico IV costruì un rifugio e una piccola cappella dedicata a San Ildefonso Vescovo ed i Re Cattolici nel 1477 lascia il posto ai monaci. Che hanno utilizzato il luogo rurale per pregare e riposare dando origine al villaggio che prendi lo stesso nome. È stato Filippo II che trasforma questo in un sontuoso palazzo. Nel 1718, Filippo V, innamorato del posto, compra ai monaci il posto e costruì un palazzo come Versailles e i suoi giardini. Il palazzo divenne la residenza estiva del re di Spagna e la sua corte. Felipe V e la sua seconda moglie, sono sepolti nella chiesa collegiata. Diversi episodi importanti della storia spagnola hanno avuto luogo nel palazzo. Il palazzo e dipendenze sono in forma di U e nei suoi giardini ci sono alberi che hanno più di 300 anni. Ci sono due terrazze e una cappella (la Collegiata della Santissima Trinità). L’interno del palazzo è profondamente barocco con splendidi soffitti affrescati e dipinto oro e modanature in legno con imponenti lampadari in vetro.

Consigli

Il palazzo è aperto al pubblico. Si consiglia di indossare scarpe comode per visitare i giardini perché ne vale la pena, non solo per le sue piante e fiori, ma anche per le sue fontane e monumenti. Da Giovedi Santo si aprono le fontane alle 17:30 il mercoledì, il sabato, la domenica e nei giorni festivi. Gli otto grandi fontane funzionano alternativamente, ma il 30 maggio, il 25 luglio e il 25 agosto, lavorano tutti in una volta. Devi pagare un biglietto d’ingresso, ma il 25 agosto l’ingresso è gratuito.

Victoria and Albert Museum, Londra, Inghilterra

Il Victoria and Albert Museum (“V & A”), è un grande museo di arti e scienze, nel cuore di Londra South Kensington in un luogo conosciuto come Albertopolis. È stato creato nel 1851 come il Museo di South Kensington, costruito su un terreno acquistato attraverso i profitti avuti durante la Fiera Mondiale 1851, progettato per unire diversi musei e istituzioni educative dedicate alla convergenza dell’ educazione, industria, scienza e arte, principalmente dedicati a prodotti industriali e artigianato. Nel 1880, la collezione dell’Ufficio India è stato incorporata nel museo. Le arti decorative sono la specializzazione della collezione del museo con una grande varietà di oggetti di epoche diverse. Inoltre incluso nel cristallo, ceramiche, abiti di alta moda e accessori, mobili, arazzi, argenti, giocattoli, statue, ecc.; con circa 4,5 milioni di oggetti.

Consigli

È aperto tutti i giorni e l’ingresso al museo è gratuito ma a volte ci sono mostre che richiedono l’accesso a pagamento.
È possibile arrivare con i mezzi pubblici alla stazione di Earl’s Court con la metropolitana e dopo si dispone di un autobus con una frequenza di 3 minuti che vi lascia alla porta o si può anche fare una passeggiata di 20 minuti.
Se avete intenzione di trascorrere la giornata presso il museo, ci sono due caffetterie, una all’interno e l’altra nel giardino (chiuso a dicembre e gennaio) dove si può avere un pasto caldo o freddo completo o semplicemente un drink o una colazione.
È possibile portare la macchina fotografica e fare foto in quasi tutto il museo, fuora delle mostre temporanee.