Eremo di Santa Caterina del Sasso, Leggiuno, Varese, Italia

L’eremo di Santa Caterina del Sasso è un monastero sorto a strapiombo sulla sponda orientale del lago Maggiore nel comune di Leggiuno, provincia di Varese. La costruzione del complesso è del secolo XII; Alberto Besozzi di Arolo, mercante e usuraio del tempo, scampando a un naufragio durante una traversata del lago, avrebbe fatto voto a Santa Caterina d’Alessandria di ritirarsi per il resto della sua vita in preghiera e solitudine in una grotta in quel tratto di costa. Ha costruito una cappella alla Santa che possiamo ancora vedere nel fondo della chiesa. Le relichie del beato Alberto, riposano all’interno della chiesa. Nel XIV le costruzione delle due chiese dedicate a Santa Maria Nova e San Nicolao, sono estate aggiunte. Sulla facciata della chiesa troviamo quatto archi in cui sono conservati i resti di un ciclo di affreschi e, a strapiombo sul lago, troviamo il campanile del XIV secolo. La parte più antica è il sacello del 1195 che se trova su un livello inferiore rispetto alle restanti parti della chiesa, riprendendo le dimensioni del sepolcro di Santa Caterina sul Sinai e sulla parete esterna, sopra della finestra, se trovano qualche immagini della traslazione del corpo della santa (da parte degli angeli) al Monte Sinai. Il complesso è considerato monumento nazionale dal 1914. Foi restaurato e riaperto negli anni ottanta. Attualmente è retto da alcuni Oblati benedittini. La chiesa attuale ha cinque precedenti ambienti, in origine separati: quattro corrispondono oggi ad altrettante cappelle, mentre il quinto è il sacello dove riposa il beato Alberto Besozzi. La chiesa esta copperta di numerosi bellissimi affreschi. C’è anche un organo ed una statua della Vergine col Bambino (XVII secolo). L’eremo è raggiungibile esclusivamente a piedi attraverso una scala che lo mette in comunicazione da un lato con Quicchio, piccolo agglomerato di case, dotato di posteggio per le auto e di un punto di ristorazione, dall’altro con un approdo recentemente realizzato, a servizio della Navigazione Lago Maggiore.

Consigli

Se non potete prendere le scale, c’è un ascensore a pagamento (0,50 euro), realizzato nella roccia, che vi porta alla chiesa.
Il posto è molto bello per fare una passeggiata e per prendere delle magnifiche foto del suo magnifico intorno.
Nel periodo estivo, c’à un collegamento diretto di autobus con Laveno. La stazione di treno più vicina è Sangiano, sulla ligna Luino-Milano (3km).

 

Invalid Displayed Gallery

Santuario di Nostra Signora di Lourdes, Rigaud, Quebec, Canada

Il Santuario di Nostra Signora di Lourdes è un luogo di pellegrinaggio situato nella collina di Rigaud, nel verde; dedicata alla Vergine dell’Immacolata Concezione. Questo luogo ricorda le apparizioni della Vergine Maria a Bernadette Soubirous nel 1858, in Lourdes, Francia. E’ il fratello Ludger Pauze che ha piazzato una statua della Madonna di Lourdes, sulla collina nel 1874 e lui, il suo superiore, François-Xavier Chouinard, così come i professori e gli studenti vengono pregare fervente alla Vergine, con lui. Da lì, il luogo e meta di pellegrini provenienti da diversi posti. C’e’ un gruppo di religiosi, volontari e personale per accogliere i fideli. C’e’ una cappella centrale, la grotta con la statua della Madonna di Lourdes e una piccola cappella in alto. Il santuario e’ in fondo della viaLourdes, ai piedi della collina.

Consigli

Per gli orari di servizio, è meglio consultare la pagina del santuario. C’e’ un rosario tutti i giorni alle 16:00. Se volete trascorrere parte della giornata con gli amici o con la famiglia, si trova un posto per mangiare e ottenereun po’ di riposo, c’e’servizi igienici e alcuni sentieri di montagna per escursioni a piedi. Ci sono due croce situate sulla collina accessibile da sentieri. Indossare scarpe comode perché si arriva attraverso sentieri o lunghe scalinate.

Cappella del Santo Cristo di umiltà, El Toboso, Toledo, Spagna

Nella città di El Toboso, Toledo, in Spagna, sono stati quattordici piccole chiese o cappelle attorno a cui i quartieri della classe popolare emerse articolate con piazze irregolari, che sono stati vere e proprie scenari di celebrazioni. Alcuni erano dentro del recinto o muro che proteggeva lo spazio urbano. Attualmente, ci sono solo tre di queste cappelle ancora in piedi e una di loro è la cappella del Santo Cristo di umiltà ex ospedale per i poveri. La cappella ha linee semplici con l’uso della pietra e mattoni all’esterno. Ha una grande porta di legno con ferro battuto.

Consigli

Se siete in grado di visitare la città durante il periodo pasquale si può partecipare alle celebrazioni della Settimana Santa, Lunedi di Pasqua è quando prendono il Santo Cristo di umiltà per fare una processione dalla cappella del Santo Cristo di umiltà alla chiesa parrocchiale. In questa processione le persone accompagnano con bandiere. Quel giorno si conclude con la messa in parrocchia.

Potete anche assistere alla messa tutti i venerdi sera dall’anno.