Piazza Jemaa el Fna, Marrakech, Marocco

La Piazza Jemaa el Fna è una delle principali attrazioni tradizionali e storiche del turismo in Marocco, che si trova a Marrakech, nei pressi della Moschea Koutoubia e i souk e il Palazzo Reale, e appartiene al patrimonio dell’UNESCO. Si tratta di un luogo vivace con un sacco di attrazioni popolari come incantatori di serpenti, mangiatori di fuoco, domatori di scimmia, acrobati, donne che cercano di prevedere il vostro futuro, tatuatori all’hennè, succo d’arancia spremuto anche come venditori ambulanti e venditori di artigianato marocchino. Ci sono griglie che vendono cibo ai turisti ma è meglio andare in ristoranti che sono nel luogo per l’igiene e la pace perché si sarà avvicinato da tutto il mondo come si tenta di vedere tutto questa animazione nella piazza. Una visita nel giorno non è lo stesso che la sera quando c’è molto più affollate e venditori. È anche possibile prendere una carrozza trainata da cavalli per un giro della città.

Consigli

Se non vi piace essere avvicinato da venditori di ogni genere, è meglio non visitare il luogo perché può disturbare abbastanza, ma se volete conoscere la vera vita di questo luogo speciale, si dovrebbe sapere che tutto ha un prezzo, anche una foto, quindi chiedere prima di fare una, perché possono chiederli soldi dopo in un modo insistente.
Se siete un po’ più avventuroso, è possibile posare per una foto con il serpente sulle spalle.
Se si tiene ancora vedere tutto questo movimento, ma più tranquillamente, godere di una terrazze in un ristorante dove si può prendere anche belle foto della piazza.
Se volete comprare qualcosa, si deve sempre negoziare il prezzo.

Piramide di Cheope, Giza, Egito

La piramide di Cheope o Grande Piramide di Giza è un monumento costruito dagli antichi Egizi; ci sono più di 4500 anni, formando una piramide quadrata di 230 metri di lato e 137 m di altezza; presunta tomba del faraone Cheope. E’ l’unica delle sette meraviglie del mondo antico ad essere sopravvissuto fino ad oggi ed e’ anche la più antica. La piramide è parte di un complesso in cui vi è un tempio funerario di due parti: tempio dalla valle o parte inferiore (associato con un molo porto ai margini della terra coltivata) e un tempio superiore o parte superiore (cappella dove il clero depositava offerte giornaliere), che si trova vicino alla piramide. C’e’ un monumentale corridoio piastrellato che serve da galleria di collegamento tra le parti. Ci sono anche tre piramidi di regine, una piramide satellite, circondata da un muro, collegato alla galleria di comunicazione e multiple mastabe (edifici funerari) raggruppati in tre cimiteri situati ad est dietro le piramidi di regine, a sud della Grande Piramide, e ad ovest della piramide del re.

Consigli

Si raccomanda di fare affari con una guida locale accreditato dal Ministero del Turismo per garantire che ci sia spazio per la visita all’interno.
Si può fare un giro in carrozza per scattare foto e vedere le piramidi e le vicinanze. Ricordarsi di negoziare il prezzo.
Ci sono molti venditori sul sito che possono essere molto insistenti, ma se si sta mostrando nessuno interesse non vanno insistere molto.
  E’inoltre possibile visitare di notte per assistere allo spettacolo di suoni e luci.

Palazzo Bahia, Marrakech, Marocco

Il Palazzo Bahia è un palazzo del secolo XIXᵉ di otto ettari in Marrakech, Marocco. È un capolavoro di architettura marocchina, uno dei maggiori monumenti del patrimonio culturale. È stato costruito a sud est della medina di Marrakech tra il 1866 e il 1867. È stato costruito per Si Moussa, ciambellano del 1° sultano Hassan del Marocco, alla sua morte, il figlio, Ahmed Ben Moussa, aveva allargato la parte meridionale del palazzo di suo padre con la successiva acquisizione e lo sviluppo sfavillante di grandi insiemi di case vicine. Il palazzo prende il nome dalla sua amante preferita, Bahia. Dal 1912, il generale Lyautey, maresciallo di Francia, lo utilizza come sua residenza personale così come la residenza di ufficiali francesi con l’aggiunta di camini, riscaldamento ed elettricità. Ha circa 150 camere riccamente decorate. Ci sono marmo, dipinti su legno, vetrate, numerosi patii e giardini con alberi di arancio, banani, cipressi, ibisco e gelsomino. La famiglia reale marocchina del re Mohammed VI, a volte rimane nel palazzo in una grande parte privata non aperta al pubblico.

Consigli

Il palazzo è aperto ai visitatori, alla vostra visita chiedere informazione perché si può anche assistere a concerti di musica arabo-andalusa e mostre d’arte.
È anche possibile richiedere una guida che vi accompagni e racconte tutta la storia che è molto interessante.