Il Santo Sepolcro, Gerusalemme, Israel

Il Santo Sepolcro è, secondo la tradizione cristiana, la tomba di Cristo, vale a dire, la grotta dove il corpo di Gesù di Nazareth fu posto la sera della sua morte in croce. Si dice che l’imperatore Adriano fece costruire nel II secolo, un tempio dedicato a Venere sul luogo del Santo Sepolcro per nascondere la tomba dove fu sepolto Gesù. Costantino il Grande, il primo imperatore cristiano, ha sostituito il tempio per una chiesa. Un sacrario in marmo è stato costruito sopra la tomba ed è questo che possiamo vedere oggi. Negli anni successivi, una serie di edifici commemorativi tracciano un percorso attraverso il quale i pellegrini scivolavono nella vita, morte e risurrezione del Messia, è il luogo per eccellenza di pellegrinaggio nel Medioevo. Gerusalemme dal VII secolo, fu sotto il dominio musulmano quindi sono loro che percepiscono una tassa per il ingresso ad ogni pellegrino. Oggi, troviamo lì due pezzi successivi, come nelle sepolture ebraiche di epoca romana: la Cappella dell’Angelo, in cui è stato preparato il corpo (lavato, profumato) e la Sala della Tomba (tomba reale).

Consigli

Di solito il Santo Sepolcro è aperto alle ore 4.00 e chiude alle 19:00 da ottobre a marzo alle 21:00, tra aprile e settembre. La sera, al momento della chiusura, i tre sacrestani (un rappresentante per ogni comunità) sono presenti, per decidere chi aprirà il giorno successivo. L’apertura è a sua volta dalle tre comunità.
La Santa Messa presieduta dal latino nella Edicola del Santo Sepolcro inizia alle 04:30 e segue ogni mezz’ora fino a 7:45. Alle 8:30 i fratelli celebrano la Messa del giorno cantata nell’anticamera dell’Edicola. Contemporaneamente vi è la Santa Messa al Calvario, nella navata destra di 5:00-06:30.
Ogni giorno alle ore 16.00 la comunità francescana fa la sua processione quotidiana nella Basilica del Santo Sepolcro.