Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo, Russia

Il Museo dell’Ermitage si trova a San Pietroburgo, sul fiume Neva. È considerato uno dei musei d’arte più famosi, antichi e importanti del mondo. Ci sono più di 60.000 oggetti in quasi 1.000 stanze con quasi tre milioni di oggetti conservati nelle riserve. Oltre ai pezzi di antichità, c’è un’eccellente collezione di dipinti con i nomi di artisti famosi come Rembrandt, Matisse, Gauguin, Leonardo Da Vinci e Picasso tra gli altri. Diversi edifici, classificati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, costruiti tra il XVIII e il XIX secolo, formano il museo (Piccolo Hermitage, Vecchio Hermitage, Teatro Hermitage, Nuovo Hermitage e il Palazzo d’Inverno). Parte del Palazzo di Stato (sull’altro lato della Piazza del Palazzo) e il Palazzo Menshikov sono stati aggiunti al complesso dell’Hermitage. Il museo nasce grazie all’imperatrice Caterina la Grande e alle sue collezioni di dipinti che inizia a collocare nel Palazzo d’Inverno. Originariamente l’Hermitage era riservato ai familiari e ai cari, ma nel 1922 fu aperto al pubblico con ingresso gratuito per i primi cinque anni. Dall’apertura della Russia, l’Hermitage è diventato per i turisti stranieri l’attrazione principale del paese. Ha anche annessi ad Amsterdam e Las Vegas.

Consigli

Puoi scattare foto per scopi privati, senza scopo di lucro.

È possibile visitare l’Hermitage senza una guida con l’app per smartphone esistente (solo in russo o inglese).

I gatti dell’Ermitage sono ben noti e in primavera si svolge la Festa dei gatti guardiani. Per l’occasione, c’è una mostra di opere che rappresentano gatti, visite a zone dei gatti, giochi per bambini e adulti, ecc. Questa festa è un modo di raccogliere denaro per nutrire i gatti e per la loro manutenzione perché questa spesa non fa parte del budget del museo.

Il mercoledì e il venerdì, il museo ha più ore di apertura e il primo giovedì di ogni mese, l’ingresso è gratuito.

Il modo più veloce per acquistare i biglietti è online o sulle macchine automatiche sul posto, si noti che i bambini e gli studenti (indipendentemente dall’età o dalla nazionalità), non pagano ma gli studenti dovranno fare la fila per ottenere il loro ingresso con una carta dello studente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.